chelli srl progetto scuole

Chelli Srl partner del progetto STEM all'Istituto Balducci di Pontassieve

Con il nuovo anno scolastico 2021/2022, Chelli Srl sarà partner in un ambizioso progetto formativo per le scuole superiori, in particolare presso l'Istituto Balducci di Pontassieve. Si tratta del progetto STEM, coordinato dal Professor Claudio Ermini, direttore dell'Istituto.

Il progetto partirà a ottobre 2021 e coinvolgerà le classi dell'indirizzo Tecnico Tecnologico.

Le tematiche che verranno affrontate sono quelle legate all'efficientamento energetico e alla domotica, in continua espansione, di cui l'azienda si occupa, e andranno a inserirsi nelle discipline di "Tecnologie di progettazione di sistemi elettrici ed elettronici" e "Sistemi automatici".

In particolare, il programma prevede lezioni dedicate a:

  • I problemi ambientali e la necessità di ridurre le emissioni di GAS serra
  • Gli edifici a basso consumo energetico
  • Le pompe di calore
  • Il fotovoltaico
  • La ventilazione meccanica controllata
  • La domotica, articolata in sistemi smartphone, struttura del sistema e programmazione

Il percorso sarà suddiviso in 3 moduli e in sessioni da 2 ore.

Se vuoi avere maggiori informazioni sul progetto, contattaci o visita il sito dell'Istituto Balducci.

Carbon Footprint

Carbon Footprint: cos'è e come si calcola?

La Carbon Footprint, conosciuta anche come impronta di carbonio o impronta climatica, è un indicatore ambientale che misura la quantità di emissioni di gas serra generate da un prodotto o da un'azienda.

L'unità di misura della Carbon Footprint è la tonnellata di anidride carbonica equivalente (tCO2eq). Nel caso dell'ambito aziendale, nel calcolo vengono considerate tutte le emissioni prodotte direttamente e indirettamente per lo svolgimento di tutte le attività dell'azienda, incluse quelle prodotti dai fornitori dei servizi.

A cosa serve conoscere la Carbon Footprint?

Grazie al calcolo della Carbon Footprint, l’impresa riesce a identificare le attività più rischiose per l'ambiente e può comprendere dove e come intervenire per ridurre le emissioni di CO2, partecipando attivamente al cambiamento necessario per il pianeta.

La riduzione, inoltre, determina un miglioramento dell’efficienza energetica, delle risorse ed un notevole risparmio economico.

Non solo, in un contesto in cui l'impegno per l'ambiente ha acquisito una rilevanza importante, migliorare l'impatto della propria azienda consente di accrescere anche la propria green reputation e suscitare conseguentemente l'interesse di consumatori e pubbliche amministrazioni.

Come ridurre le emissioni?

I principali interventi di efficientamento energetico per ridurre le emissioni consistono in:

  • Conversione dell'impianto di riscaldamento con la sostituzione di generatori non efficienti (a combustione) con generatori non emissivi ad alta efficienza (pompa di calore)
  • Fotovoltaico
  • Illuminazione
  • Automazione
  • Acquisto di energia elettrica certificata non emissiva
  • Sostituzione di mezzi inquinanti con mezzi a basse emissioni
Energia certificata verde

Cosa significa energia certificata verde?

Tra le tante azioni che possiamo intraprendere a tutela del nostro ambiente e sempre più diffuse negli ultimi anni, rientra la scelta di utilizzare energia verde.

In particolare, con il termine "energia certificata verde", si intende quel tipo di energia proveniente da impianti di produzione legati a fonti energetiche rinnovabili. L’acquisto di questa tipologia di energia green conferisce un certificato, chiamato, Garanzia di Origine, rilasciato dal GSE (Gestore Servizi Elettrici), che attesta ufficialmente che l'energia non proviene da fonti fossili.

I certificati qualificano i produttori e gli utilizzatori di “Cuore verde”, per il loro impegno a favore dell’ambiente, e hanno lo scopo di creare un sistema di per incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Da quali fonti si ottiene l'energia certificata verde?

Secondo la direttiva 2009/28/Ce, nota come direttiva RES – Renewable Energy Sources, e il D.Lgs. N. 28/2011, le energie verdi vengono prodotte dalle seguenti fonti rinnovabili:

  • Eolica: l'energia generata dall'azione del vento su pale eoliche
  • Solare: l'energia del sole, prodotta dall'irraggiamento solare e ottenuta attraverso gli impianti fotovoltaici
  • Geotermica: ricavata dal calore proveniente dal sottosuolo terrestre
  • Idroelettrica: sfrutta la forza del movimento delle masse d'acqua
  • Biomasse: prodotta attraverso processi di combustione di sostanze organiche

Come fare per acquistare energia certificata verde?

A differenza di quanto spesso si crede, l'acquisto di energia certificata verde non richiede spese particolari. Non è necessario effettuare alcun tipo di intervento sull'impianto elettrico o sul contatore e non ci sono costi di attivazione: basta fare richiesta presso qualsiasi dei fornitori di energia pulita.

Anche il prezzo non sono è mediamente più elevato della normale energia elettrica. Molti fornitori hanno già l’energia verde già inclusa nella propria tariffa (Enel Energia, Sorgenia), altri hanno una componente energia rinnovabile 100 % (Enegan, Lifegate) e infine ci sono fornitori che prevedono la possibilità di aggiungere l'opzione energia sostenibile con un importo mensile minimo o con un prezzo supplementare al kWh.

L'energia di Chelli Srl

La tutela dell’ambiente è uno dei valori che guida tutte le nostre scelte aziendali. Per questo motivo, anche noi acquistiamo energia certificata verde, proveniente interamente dall’Impianto Idroelettrico di Grosio e Premadio, in provincia di Sondrio.